Spunti e Virgole | Spring
21
archive,tag,tag-spring,tag-21,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.1,menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

La collezione SS2019 di House Doctor

Anche se questo Maggio ci sta mettendo alla prova con le sue temperature e il suo clima altalenante, io continuo a gran voce ad invocare la bella stagione, le giornate tiepide e soleggiate e i fine settimana trascorsi all’aperto (e non sul divano con la copertina a guardare GOT).

Sono sicura che, senza mezze misure, quando arriverà Giugno il clima salirà improvvisamente alle stelle facendoci pagare con gli interessi il nostro desiderio d’estate; per il momento però non possiamo che pazientare, preparandoci a questa stravagante e insolita primavera che non arriva.
Come trascorrere allora i fine settimana da qui al caldo? Organizzando terrazze, giardini o prenotando gite fuori porta e vacanze – insomma tutto il necessario per non farci trovare impreparati quando il sole finalmente busserà alle nostre porte.

Entriamo allora nel catalogo di House Doctor, brand danese che ci trasporta come per magia nel mood della stagione – tra pranzi all’aperto, vacanze in tenda e momenti di relax nella natura.

CASA. LONTANA DA CASA

Proprio come a casa, abbiamo bisogno che la natura si senta radicata. Quindi, con l’arrivo della primavera e dell’estate, andiamo fuori a goderci i tranquilli nascondigli della natura. Con le ruote o senza, in una foresta o in riva al mare, le vacanze casalinghe ci regalano un tanto necessario cambio di scenario. Un posto dove possiamo ricaricare le batterie e trovare pace.

Glamping è una fusione tra le parole “Camping” e “Glamour”. È un’esperienza di viaggio unica nel suo genere che tradisce gli inconvenienti del campeggio tradizionale con tutti i comfort di casa. Glamping ti permette di vivere la natura da vicino, con i suoi profumi e suoni, mentre sei circondato da tutto ciò che ti serve per rilassarti senza rinunciare alla comodità.

Il comfort è tutto. Per rendere il tuo spazio familiare e invitante, basta usare una tavolozza di colori chiari, strati di cuscini e molta luce esterna. Questo renderà difficile resistere al tuo nascondiglio.

Perché non inviti i tuoi vicini a cena?
Condividere il cibo è uno dei modi migliori per connettersi e fare esperienze memorabili.

LA CASA PER LE VACANZE

Indipendentemente dalla sua dimensione, posizione o stile, la casa per le vacanze è il luogo perfetto per allontanarsi dalla routine quotidiana e dalla vita di tutti i giorni; perchè essere circondati dalla natura, è il modo ideale per rallentare e rilassarsi con amici e familiari.

Un tavolo e qualche sedia. Questo è tutto ciò di cui abbiamo bisogno per creare uno spazio di riflessione o di condivisione. C’è posto per tutti! I cuscini morbidi sono perfetti per creare sedute extra, confortevoli e accoglienti.

Quando ci si siede a tavola, a colpirci sono sopratutto i dettagli. House Doctor, per questa stagione, gioca con il contrasti tra luce e ombra, ruvido e delicato e ci suggerisce di completare il look aggiungendo fiori selvatici e dettagli green.

Fai una pausa. Quando sei nella tua casa per le vacanze, hai tempo per coccolarti. Allora perché non trasformare il tuo bagno in un’oasi personale di benessere?

In sintesi, quando la bella stagione arriva, è importante sforzarsi di trascorrere più tempo possibile all’aperto, svolgendo fuori le attività che normalmente siamo abituati a praticare dentro le nostre case.
Non solo riposando, camminando o rilassandoci, ma anche mangiando; sembra proprio che il cibo abbia un sapore migliore quando è preparato e mangiato fuori.

Lascia che lo scenario brilli. Usa vasi di vetro con singoli gambi di fiori per decorare.
Che si tratti di una zattera o di un posto accogliente sulla spiaggia, una posizione inaspettata fa di una cena all’aperto un’esperienza davvero unica. Perché non condividere una ciotola di gustose cozze godendo della vista e il del fruscio dell’acqua? La cena è servita!

Con queste immagini la voglia d’estate non può che salire alle stelle, siete d’accordo?

Continue Reading

La “casa” sono io

Erano più di 4 mesi che non passavo di qui e solo ora che sono lontana dalla piccola casa, ho messo a fuoco quanto lo spazio che ci si crea intorno sia fatto solo in parte da oggetti, ma soprattutto da persone, da emozioni e sentimenti.
Ciò che è mancato a quell’ambiente, e anche a questo blog, era la passione e l’entusiasmo che ho impiegato nel costruire questa rete sottile di contatti, in alcuni casi affetti e di percezioni.

Non sempre si è in grado di vedere nitidamente ciò che si vuole e a volte si ha bisogno della distanza per metterlo di nuovo a fuoco e sentirne la mancanza.

Questo spazio online è nato per esprimermi, in un momento non proprio felice della mia vita in cui mancavano le conferme e dovevo fare ordine alle mie idee ed incamminarmi – solo incamminarmi.
Sono passati due anni e mezzo da quando è nato questo progetto, sintesi di un grande amore e solstizio di moltissimi ed interessanti nuovi propositi.
Succede però che ogni tanto ci si perda, che sopraggiunga la paura e qualche volta si abbandoni ciò che più ci faceva stare bene; ma non è troppo tardi per ricominciare da dove avevo interrotto e ritrovare qui tra queste pagine virtuali un pezzetto di me che mi piace e che piacerà anche a voi.

Ricomincio parlandovi di me, che sono sempre rimasta una macchiolina tra queste righe, perchè conoscerci meglio aiuterà ad avvicinarci. Un po’ mi avrete capita, ne sono sicura, perchè in ogni articolo condividevo una parte di me importante! 😉

La “piccola casa” è la mia prima vera casa, il luogo in cui è nato tutto, il bacino in cui fluiscono molte delle cose che mi piacciono. Lì ho imbiancato, smontato, montato ma soprattutto spostato; ed è proprio lì che mi occupo delle mie piante, accarezzo il mio gatto e amo.
Quella casa, che adoro ma che tanto mi tormenta, è la tela su cui sperimento. Piccola e piena di oggetti, a volte comprati per il gusto di farlo ed altre per necessità (poche). Quella piccola casa, forse ormai troppo piccola, è finita per diventare un estensione di me – in poche parole: quella casa sono io.
Ho investito in quei 44 mq tempo ed energie, condividendo con voi i piccoli cambiamenti, la luce e le stagioni. Forse ho investito troppo, l’entusiasmo con il tempo è calato per mancanza di curiosità verso quello che c’era fuori e alla fine quella casa è diventata la prigione dei miei pensieri.
Non me ne faccio una colpa, a volte l’insoddisfazione porta all’attesa e da un’attesa statica nasce la frustrazione. L’importante è avere la forza di ripartire, non temere il giudizio troppo duro di se stessi e rifugiarsi in ciò che più ci piace.

Oggi, 19.02.2019, riparto proprio da qui (segnatevelo eh!). A presto!

 

Continue Reading

Moodboard di Marzo

Come dice la filastrocca? Marzo è pazzo.
Ed è proprio così, è totalmente imprevedibile quando passa, senza avvisare, dalla neve al sole primaverile per poi ripiombare nella triste e umida pioggia del fine settimana. Questo per me è un mese critico, quello in cui la mia voglia di giornate più calde comincia a scalpitare
ed il mio umore è come un altalena che oscilla a seconda del tempo fuori dalla finestra.

Vi chiedo scusa se non riesco ad essere sempre presente come vorrei qui sul blog, sono in ritardo su tutto e sto in parallelo scrivendo e cercando di lavorare ad altri progetti. Rimane comunque la premessa di continuare le mie piccole comparse qui almeno una volta a settimana. Sta risultando sempre più difficile ma, ce la farò?
Cominciamo dalla Moodboard, ritardataria come sempre ma riserva in se uno spirito più mite e la voglia di ore diurne più lunghe e all’aperto. Chi è con me alzi la mano!!! Mi sembra di sentire l’eco dei vostri “sì” tra queste righe, e allora che primavera sia, almeno qui sul blog! ☼

Continue Reading

Moodboard di Aprile

Ci siamo, Aprile è ufficialmente iniziato e il Giappone che sembrava sempre così lontano e poi di colpo troppo vicino, è stato spostato a Maggio. Ricordate che sarei dovuta partire a metà di questo mese? Purtroppo la triste notizie ci è arrivata proprio in questi giorni come una secchiata di acqua gelida. Scusate quindi l’assenza giustificata ma sono giorni che incrociamo le dite sulle sorti di questo viaggio e corriamo per gli uffici statali; ma a quanto pare, contro l’inesorabile lentezza burocratica non si può fare proprio nulla, perciò non resta che attendere ancora un pochino per questa avventura nipponica. Non troppo per fortuna!
Tra l’altro questa è anche la settimana della design week e, per chi come me ha solo un giorno da dedicarle, pianificare i veloci e precisi spostamenti è fondamentale. Ci sono davvero tante cose da vedere e un sacco di stimoli di cui fare il pieno!
Spero per domani di potervi dire con più precisione quelle che saranno le mie fermate principali per questo 2017 e se possibile, nel mio piccolo, consigliarvi quelli che sono per me i passaggi più interessanti.

Mi auguro solo che superato l’ostacolo della riprogrammazione del viaggio e di questa design week, tutto riprenda un corso più lento e calmo e che la tensione accumulata negli ultimi giorni lasci spazio ad una maggiore serenità.
Intanto la primavera avanza ed è proprio il caso di cominciare a mettere via anche gli ultimi cappotti superstiti e i maglioni più grossi e pesanti. Non sono sicura di essere ancora pronta a mostrare le mie gambe pallide e quel colorito spento che accomuna un po’ tutti dopo il lungo inverno. Ma che belle le tinte pastello, i germogli che fioriscono sugli alberi  e tinteggiano le città di bianco, lilla e rosa, affiancati dal verde intenso e aspro dei prati e delle foglie. Adoro i colori morbidi della primavera, le finestre aperte e i lunghi e profondi riposini dopo pranzo 😛

Moodboard-di-Aprile

Continue Reading