Spunti e Virgole | interior design e ispirazioni per la casa
37
home,paged,page-template,page-template-blog-centered,page-template-blog-centered-php,page,page-id-37,paged-9,page-paged-9,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.1,menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
[rev_slider alias="blog-slider"]

Moodboard di Maggio

Approfitto di questa temporanea tregua di sole (giusto un paio di raggi, intorno c’è un nero…) per condividere con voi la moodboard di Maggio. Ci auguriamo tutti che sia un mese più consono alla stagione e di conseguenza con un clima primaverile. Se da una parte dormire con il piumino è un piacere che non vorremmo mai abbandonare, dall’altra è tempo di dare spazio anche ad abiti più leggeri, chiudere maglioni e giacche nei bauli e godersi i fine settimana all’aperto; in quello appena trascorso, ad esempio, c’erano moltissime inaugurazioni ed eventi all’aperto ma come potrete immaginare la temperatura era ben al di sotto delle aspettative e nonostante i generosi strati, il freddo è stato piuttosto antipatico e pungente!
Detto questo, manca poco alla partenza per il Giappone e l’agitazione mista stress da valigia aka programmazione aka millecoseancoradafare comincia a farsi sentire. Mancano ancora due settimane in realtà (solo due settimane?!?!?), ma considerata la partenza di domani per Bologna, dove io rimarrò fino a giovedì prossimo, diciamo pure che una volta tornata nella piccola casa ci sarà tempo solo per ultimare i dettagli di questa sempre più vicina avventura.

Mi ero ripromessa di non parlare solo di questo viaggio e cercherò di mantenere la parola, almeno per oggi, anche se scusatemi ma l’entusiasmo mi sta divorando da questa mattina, ho fatto l’errore di controllare il calendario e waaah!

Ma tornando a noi, la moodboard di questo mese, come anche di tutti gli altri, è fatta di accostamenti ed ispirazioni che spesso mi sono suggeriti da Pinterest, e sicuramente c’è il mio zampino se sull’homepage ultimamente non fanno che comparire fotografie che usano i contrasti tipici del sol levante per raccontare la storia di antiche e tradizionali città che si contrappongono a moderni ed alti edifici, oltre ovviamente alle incredibili ed infinite variazioni di rosa di cui tutto si tinge quando, come in un esplosione, fioriscono i ciliegi. Non vi anticipo nient’altro – che Maggio abbia inizio!

Moodboard_May

Continue Reading

April Updates

Aprile iniziato con una temperatura insolita a calda, molti sostenevano anche troppo calda, che ha però dato in pochissimi giorni spazio ad un clima più fresco e primaverile, perfetto per il Fuorisalone! E approposito di Fuorisalone, avendo solo il venerdì da dedicargli, svegli prestissimo io e Andrea siamo rientrati a Bologna la sera molto tardi e con le gambe stravolte (altri impegni già programmati ci aspettavano lì il giorno seguente); ci è voluta una bella e profonda dormita per ricaricare le energie disperse in quell’unica ma intensa giornata della Milano Design Week. Avrei ovviamente voluto vedere molto di più, ma sono comunque contenta di aver concetrato tutto negli allestimenti giusti e soprattutto di averli visitati con la calma e l’attenzione necessaria. Se non avete ancora letto i post in cui ve ne parlo, vi invito a dargli un’occhiata!
I rimanenti giorni di questo mese sono scivolati in maniera piuttosto anonima e tranquilla, accompagnati dalla tipica ed inevitabile stanchezza primaverile, frequenti riposini, diffusi mal di testa e poi e il ritorno improvviso dell’inverno!
Dopo una settimana lunghissima di pioggia, infatti, questo venerdì, al primo ventilato e freschissimo raggio di sole, sono uscita a mettere a posto le piante in balcone – nessuna grande rivoluzione, giusto qualche accorgimento e l’auspicio che presto torni il caldo. Vorrei allargare la famiglia delle aromatiche ma preferisco rimandare ogni impegnativo acquisto al mio ritorno dal Giappone, quando potrò occuparmene personalmente. Limite che non ha però interferito in alcun modo, invece, con l’impulso incondizionato di portare dentro la piccola casa delle novità, sono quasi tutte succulente e sopravviveranno senza troppe difficoltà alla mia mancanza. Tre su quattro ve le ho già presentate su Instragram, inserite nel loro, speriamo, longevo habitat!

April_1e2

April_3e4

April_5e6

April_7e8

Certo, considerata la stagione avrei voluto augurarvi un miglior inizio di mese, lasciandoci tutti alle spalle questo Aprile pazzerello, ma anche oggi qui piove, indosso calzini, felpa e sto per farmi un tè caldo che berrò sul divano con il plaid. Abbandonata quindi qualunque iniziativa ad uscire, mi dedicherò al più totale e giustificato riposo con Agata!
Maggio, mi raccomando, almeno tu fai il bravo!

Continue Reading

Fuorisalone 2017: The Visit_Studiopepe

THEVISIT_STUDIOPEPE

Per il terzo ed ultimo appuntamento dedicato alle mie tappe del Fuorisalone 2017, ho scelto di parlarvi del più esclusivo degli allestimenti visti in questa edizione – The Visit è visitabile tutt’ora su prenotazione (ma affrettatevi, sarà aperto solo fino al 10 Maggio) in Via Palermo, 1.
Rispetto alle due location di cui vi ho già parlato, la “casa” allestita da Arianna Lelli Mami e Chiara Di Pinto, fondatrici di Studiopepe, è un luogo di raccolta e di scoperta, una vera e autentica abitazione concepita per il Brera Design Apartment.
Il progetto, nato in collaborazione con Matteo Artemisi e Sonia Pravato, mira a mostrare un nuovo modo di vivere gli interni, legato ad un intimità diversa e più timida, a deviazioni che attingono al mondo dell’arte e della moda e si manifestano con la struttura reinterpretata di un appartamento milanese dell’Ottocento, arricchito ed impreziosito nelle stanze da una raccolta di oggetti, alcuni dei quali appartenenti proprio alle stesse creatrici dell’allestimento.
Ad enfatizzare le ampie finestre e il bellissimo parquet a spina di pesce, alti tendaggi pesanti e arredi firmati da grandi maestri come Gio Ponti con Molteni&C, Vittoriano Viganò per Astep, Jean Prouvè con Vitra, Angelo Mangiarotti con Agape Casa ed Ettore Sottsass con Bitossi. Ma non è tutto, tre le molte altre aziende che sono state coinvolte, evidenzio il contributo di Sikkens, leader nei prodotti vernicianti e professionali, che ha curato l’importante e stupenda realizzazione di wall drawing lungo le pareti, incluso quello del bagno.

TheVisit_1e2

WHITE-LINE

“La casa è lo specchio di quello che siamo e tutti noi siamo in costante ricerca ed evoluzione.”
WHITE-LINE

The Visit, o meglio, la visita è un atto che mette in gioco non solo chi ospita o chi viene ospitato, ma prima di tutto il luogo fisico che ospiterà. Aprire la propria casa implica aprire una parte nascosta e privata di se stessi al mondo esterno, portare qualcuno nella propria abitazione significa raccontare la persona che la abita. Per questo, come spiegato dallo stesso Studiopepe, la casa dovrebbe essere piena di oggetti che ci fanno stare bene e frequentata da persone che ci piacciono.

TheVisit_3e4

TheVisit_5e6

TheVisit_7e8

TheVisit_9e10

Nella casa di Studiopepe si entra in punta di piedi e, solo con la curiosità tipica di chi visita e non conosce, ci si fa strada nell’allestimento per scoprire una dopo l’altra le stanze. È un luogo profondo e sincero, in poche parole bellissimo!
WHITE-LINE

“Quando abbiamo pensato ad un progetto nostro per il Fuorisalone abbiamo provato il desiderio di raccontare non tanto un luogo ma un gesto, un rito, quello della visita.
Così è nato The Visit.”
THEVISIT_STUDIOPEPE_LINE
Continue Reading

Fuorisalone 2017: CasaFacile Design Lab

CASAFACILE DESIGN LAB

Per questa seconda tappa del mio Fuorisalone (ce ne sono solo 3, non temete!) voglio portarvi nel magico mondo di CasaFacile, rivista a cui ovviamente sono abbonata e che stimo molto per le opportunità che offre a moltissime giovani e talentuose blogger e creative.
La Milano Design Week, affiancata dall’importantissimo traguardo dei vent’anni della rivista, ha messo in moto le energie per creare un’incredibile allestimento, il CasaFacile Design Lab. La casa progettata da StudioPepe – in Via Solferino, 14 – ha visto riunite sotto lo stesso tetto tutte le blogger, stylist e ogni altra cellula motrice del lavoro svolto ogni mese per l’uscita del giornale.
Dopo una prima inaugurazione, il programma prevedeva workshop ed eventi di ogni tipo, da quelli sulle piante, alle realizzazioni di foto istantanee con la Instax Fujifilm, passando dall’organizzazione non evidente di un frigorifero o dalla decorazione tramite i nastri adesivi decorativi giapponesi di MT masking tape, concludendo, infine, con dei veri e propri showcooking curati da GialloZafferano, Barilla e tanti altri importanti nomi.

Superata la folla di gente e raggiunto finalmente il portone in legno di via Solferino, ad accoglierci nel cortile una grande parete decorata, gli arredi di Nardi Garden e alcune iconiche borse O bag; ma ecco finalmente raggiunto l’interno con il bellissimo living, spirito e cuore pulsante di CasaFacile. Si trattava di uno spazio ampio, addolcito da tinte pastello ed un grande divano rosa di Saba Italia che, attraverso un passaggio fluido, conduce nella seconda ed ultima stanza, la cucina laccata grigio opaco firmata Scavolini, dove attorno ad un piano di lavoro più volte al giorno venivano allestiti e svolti gli incontri programmati. Infine, passando dall’uscita posteriore di Via S. Marco, un dehors verde dove riposarsi un ultimo minuto prima di ripiombare nelle frenetiche ed affollate strade della città.

CasaFacile_1e2

Due foto di Giandomenico Frassi per CasaFacile

Ma quello che più di tutto ha attirato la mia attenzione, oltre ovviamente alle scelte cromatiche, sono state le bianche ed estese librerie Scavolini, fondamentali per riempire e decorare lo spazio con vere e proprie raccolte di oggetti e libri. Ma non solo, ciò che ha reso questo allestimento stupendo ai miei occhi sono stati proprio i dettagli, disposti su tavolini e sparsi qua e là, contributo prezioso nel rendere accogliente e vissuto lo spazio che ci avrebbe accolto come visitatori.

CasaFacile_3e4

CasaFacile_7e8

CasaFacile_5e6

Gli spazi asettici e nudi finiscono per essere belli ma adatti solo ad una copertina. CasaFacile, come anche altri, vanno oltre alla pura e commerciale forma, aggiungendo sostanza all’esposizione degli oggetti e permettendo alla gente di interagire, provare e vivere i mobili esposti.
Come già detto nel precedente post, in questa edizione del Fuorisalone, l’interazione tra allestimento e persone, accoglierle in uno spazio moderno ma che abbia un aspetto reale e adatto a ricordarci una casa, è stata l’unica formula vincente. Laboratori d’idee dove la gente non si limuta a guardare ma può partecipare e imparare, arricchendosi e portando con se quello che fa.

CASAFACILE-DESIGN-LAB-LINE

Continue Reading

Fuorisalone 2017: IKEA FESTIVAL

IKEA FESTIVAL

La mia prima tappa per questo Fuorisalone 2017 non poteva che essere IKEA FESTIVAL – in Via Privata Giovanni Ventura, 14.
Protagonista assoluto a Ventura Lambrate è stato proprio questo magazzino di 3.500 mq in cui IKEA ha messo in gioco installazioni, set espositivi, incontri quotidiani, dimostrazioni degli studenti della rinomata scuola di design ECAL e infine l’esibizione dell’illustratore Kevin Lyons, il cui sostegno verso il colosso svedese è già ormai noto.
Uno spazio multifunzionale dove rilassarsi, giocare e divertirsi, oltre che ovviamente mangiare le famose polpette di carne. Un modo alternativo per presentare, in occasione della Milano Design Week, la futura e nuova collaborazione con Tom Dixon e HAY Design e sensibilizzare i visitatori con materiali ecologici e sistemi legati alle energie rinnovabili. Un grande living centrale, distese di piante, musica, lezioni di yoga, confronti con designer sulle case di oggi ed un piccolo shop dove acquistare serie limitate di accessori e libri.
Senza dubbio un allestimento che ha saputo coinvolgere adulti e bambini, trovando proprio in questa complicità con i visitatori la formula del suo successo.

IkeaFestival_1e2

In mezzo a questo parco delle meraviglie, gli allestimenti delle blogger e stylist scandinave Anna e Pella hanno attirato più di tutto il resto la mia attenzione. Una tavolozza di colori morbidi e caldi, ritmati da materiali naturali e tessuti che sembrano messi lì per essere toccati – legno, compensato, velluto, lino e ovviamente ceramiche e vasi in terracotta per ornare con le piante e dare ossigeno alla stanza. Uno spazio che racconta, attraverso piccoli dettagli e scelte sensibili, la storia di chi ci vive o vorrebbe viverci (io sicuramente!).
Se ancora non conoscete il profilo Instagram di Pella Hedeby, vi consiglio di dargli un occhiata, è favoloso!

IkeaFestival_3e4

IkeaFestival_5e6

IkeaFestival_7e8

IkeaFestival_9e10

Un nuovo successo per IKEA (avevamo dubbi?) che con incredibile abilità ha trasformato le nostre vite, portando nelle case tendenze e tecnologia, mettendo in discussione le abitudini e il tradizionale concetto di comfort.

Ogni anno l’asticella delle aspettative si alza ed eguagliare questo 2017 sarà un compito difficile; quello che ci riserveranno per il 2018 rimane ancora un mistero, ma per il momento godiamoci tutte queste novità e lasciamoci ispirare da ciò che ci hanno mostrato.

“Let’s make room for life”IKEA FESTIVAL LINE

 

Continue Reading

Un rifugio di soli 27m²

Ci vorrà ancora qualche giorno prima di potervi mostrare il materiale raccolto a questo Fuorisalone 2017, devo prima di tutto fare ordine nei miei pensieri e capire quale sistema adottare per potervi raccontare al meglio la mia esperienza a Milano.

Nel frattempo voglio però mostrarvi questa minuscola e meravigliosa casa di soli 27m² .
Come sempre la piccola casa ha tantissimo da imparare dalle abitazioni piccoline come lei, dove dettagli, scelte cromatiche e piccoli trucchi per tenerla in ordine sono assolutamente indispensabili.
Il rischio che si corre quando si ha una casa compatta, infatti, è proprio questo – lo spazio è sempre insufficiente e basta davvero pochissimo per darle un aspetto maldestramente disordinato. Ma per fortuna esistono moltissimi esempi da cui prendere ispirazione e a cui rubare qualche brillante idea. 😛
Questo gioiellino scandinavo, ad esempio, una tela bianca arricchita da sprizzi di colore e pezzi vintage che la rendono unica e a tratti retrò. Sintetizzabile in unico grande spazio, diviso solo dalla piccola zona d’ingresso e un bagno, ma con una cucina sorprendentemente ampia, perfetta per chi ama cucinare o non vuole rinunciare ad organizzare qualche cena in compagnia, e che diventa, assieme alla sala da pranzo, il fulcro centrale della casa.
La zona living, invece, frontale all’ingresso ed esattamente a metà tra la zona notte e la cucina, è delimitata da un tappeto persiano e comprende un piccolo divano color melanzana, arricchito da due cuscini color mattone e rosa cipria, tinte contrastanti ma che si amalgamano perfettamente tra loro e alla tinta calda del legno presente su tavolo, sedie e sui ripiani della libreria. Ma prima di uscire da qui, un’ultima punta di colore caratterizza questo spazio ed è data da una serie di supporti che, sfruttando la scanalatura del muro, permettono di disporre ed esporre quadri, vinili e libri; una scelta intelligente che consente di modificarne la disposizione in ogni momento, alternando tonalità più neutre ad altre più accese e già presenti in casa.

Tutto il resto non è che sfondo, si ammorbidisce di tinte chiare come il bianco e il grigio, gioca con i contrasti e mimetizzandosi infonde forza alle zone più conviviali di questo splendido, contenuto, rifugio.

MA1

MA2

MA3

MA4e5

MA6

MA7

MA8

MA9e10

MA11

Continue Reading