Spunti e Virgole | interior design e ispirazioni per la casa
37
home,paged,page-template,page-template-blog-centered,page-template-blog-centered-php,page,page-id-37,paged-6,page-paged-6,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.1,menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
[rev_slider alias="blog-slider"]

Le ceramiche di Arbanella

“Arbanella è un termine in uso nella lingua ligure per definire un tipo particolare di barattolo in vetro, utile come contenitore per alimenti e conserve dolci e salate.”

Arbanella_ritrattoMa non solo, Arbanella è anche il progetto artiginale della giovanissima Beatrice Minuto, 25enne di Celle Ligure che ha fatto di questa piccola cittadina costiera il suo rifugio e luogo d’ispirazione. Ogni pomeriggio entra nel suo laboratorio e si dedica con passione ed entusiasmo alla ceramica, producendo e decorando i suoi meravigliosi pezzi.
Prima di tutto disegnatrice, poi apprendista di Giovanni, storico bottegaio che le sta insegnando tutti i segreti per lavorare il legno, ed infine incantevole ragazza dalle lentiggini e gli occhi azzurri che nascosta per ore dietro il suo tornio ci regala i luoghi della sua infanzia e l’amore per la sua terra. Insieme al suo cane e amico Ciki, raccoglie i colori delle case, del mare e della sabbia, sfumature tenui che si mischiano ai ricordi e spennellate che ci restituisce sotto forma di piatti, vasi, ciotoline, tazze e tanti altri meravigliosi oggetti di sua creazione.
Scoprire i suoi pezzi è un po’ come fare un viaggio insieme a lei tra vicoli stretti che, se percorsi fino in fondo, si gettano nel blu intenso dell’acqua.
Nata come una conoscenza virtuale, foto dopo foto è riuscita a farmi innamorare di questo suo piccolo mondo diviso tra le lunghe camminate solitarie, gli amici di una vita e questa passione che ora ha trasformato in lavoro.

1_Arbanella

Arbanella_3e4

Arbanella_5e6

Arbanella_7

Arbanella_8e9

Arbanella_10e11

Arbanella_12

Questi sono solo una parte dei miei pezzi preferiti, quelli che sono certa non tarderanno ad entrare nella piccola casa!
Nel suo sito e shop online trovere solo alcuni dei suoi lavori, per tutto il resto scrivetele, sarà felice di potervi accontentare. E non dimenticatevi di seguirla sul suo Instagram per rimanere aggiornati con tutte le sue novità.

Continue Reading

Moodboard di Settembre

Ci siamo, il tanto agoniato Agosto sembra essere stato superato da giornate settembrine subito più fresche e autunnali oltre che da un ristabilito ritmo cittadino.
Come vi ho accennato su Instagram ho deciso, a cominciare da subito, di evitarvi qui sul blog ripetitivi post con gli updates. Mi sembra la scelta più naturale e corretta dal momento che potrete trovare gli scatti originali sul social di pubblicazione.
L’autunno è per tutti tempo di nuovi inizi, sia scolastici che no, quindi anche la piccola casa ha voglia di rinnovarsi con nuovi progetti che mi frullano per la mente gia da un po’. Primo tra tutti un nuovo tappeto, non so come ho fatto a non pensare prima a questa soluzione per mascherare il brutto e rovinato pavimento; probabilmente non ho mai preso in considerazione quest’opzione a causa del gatto e di Andrea che ne farebbe volentieri a meno. Ma sono certa che una volta che avremo trovato quello adatto al gusto di entrambi, il living acquisterà subito un nuovo aspetto e calore.
Degli altri progetti vi parlerò più avanti, una cosa alla volta, l’inverno è lungo!

Ma ora passiamo al motivo per cui sono qui oggi, la moodboard. Vibrazioni rosse-arancio, blu scuro e l’immancabile accento rosa – perfetto quasi con tutto. Tonalità che lasciano spazio a giornate ancora soleggiate, notti fresche, maniche lunghe e, come nell’illustrazione di Josefina Schargorodsky, serate a casa con le amiche.

Moodboard_Settembre

Continue Reading

Il mobiletto IVAR di IKEA

Questa è stata ufficialmente l’estate dei traslochi e dei grandi lavori, in primis per me e mia mamma che abbiamo (in alcune delle giornate più calde, ovviamente) deciso di sistemare il garage, ma anche per moltissime altre persone intorno a me che nel bel mezzo delle proprie vacanze hanno deciso di affogare i propri dispiaceri tra scatoloni e pomeriggi all’IKEA.
Durante la ricerca di una soluzione che ci facesse risparmiare spazio e guadagnare qualche soldino, così come nel ruolo di amica e architetto d’interni che aiuta i propri amici a rendere la propria casa carina senza uscire dal budget, sono incappata nel sistema componibile IVAR, disponibile in semplici scaffalature di diverse larghezze e altezze ma addizionabile a moltissimi accessori ausiliari come cassetti, ganci e un meraviglioso mobiletto. Oltre ad essere una soluzione pratica e solida, il legno grezzo ha il vantaggio di essere personalizzabile nei più svariati modi.

IVAR_1

Ivar_IkeaIl sistema componibile IVAR esiste già da un po’ di tempo ma il suo mobiletto (hack), invece, è uno degli ultimi pezzi continuativi lanciati da IKEA; in commercio da poco più di un anno, ha riscosso fin da subito un grande successo.
Perfetto in qualunque stanza della casa, impilatelo, decoratelo o pitturatelo ogni volta che volete, e se ancora non doveste essere soddisfatti, divertitevi aggiungendo piedini e maniglie – questa volta non ci sono limiti alla creatività.

È il pezzo che fa per voi ma siete in cerca di ispirazioni?
Ecco per voi qualche idea raccolta negli ultimi mesi.

 

→ Legno naturale + colori pastello

Ivar_2e3

 

→ Tono su tono con il muro

Ivar_6e7

 

→ Colorato + decorato

Ivar_7e8

 

→ Neutro nel living

Ivar_10e11

 

→ Scurito / Sbiancato

Ivar_12e13

Io lo preferisco nella sua versione naturale o mimetizzato dello stesso colore del muro… in realtà sono tutti bellissimi ma cominciate a conoscermi ed io non amo le cose vistose o troppo colorate! 😛
E a voi quale piace di più?

Continue Reading

Le novità autunnali di H&M HOME

Si sa, con l’inoltrarsi di Agosto le novità autunnali in fatto di casa non tardano ad arrivare, rendendo sempre più complicato ogni tentativo di risparmio. Oggi a parlare sono le immagini della nuova collezione H&M HOME, neanche a farlo apposta perfetta in materiali e colori per la piccola casa!
Le giornate si accorciano drammaticamente, i primi maglioni spuntano dagli armadi e la voglia di uscire lascia posto a lunghi pomeriggi a casa. E quale modo migliore per prepararci a questa nuova stagione? A risponderci ci pensa proprio il noto gruppo svedese che, portandoci tra i morbidi tessuti naturali e le tinte avvolgenti, ci mostra come creare il perfetto luogo in cui rilassarsi.

h&m_3e9

h&m_3e4

h&m_13

h&m_4e2

Il nero, come abbiamo già visto nelle novità IKEA, si fa largo anche qui; opaco e grafico se affiancato ai toni più chiari del grigio e beige, elegante e sobrio se alternato alle sfumature calde del caramello, un altro colore cardine di questa collezione; e poi ancora legno, calcestruzzo e l’ormai immancabile lino, un must e compagno di lunghe dormite.

“Le tonalità di colore sono più importanti delle tendenze di questa stagione. Durante la creazione di questa collezione autunnale, abbiamo voluto concentrarci sulle texture e pensare a come i diversi materiali si accostano tra loro. Per ispirarci abbiamo guardato la natura e il risultato si divide in due stili principali: uno è rurale con toni della terra e materiali naturali mentre l’altro è buio e drammatico con profondi colori sofisticati.” Evelina Kravaev Söderberg – responsabile del design di H&M Home.

h&m_88

h&m_9e10

Prodotti che celebrano le maratone tv sul divano in compagnia di un plaid e tanti soffici cuscini, domeniche intere a letto, una cena con qualche chiassoso amico e perchè no, un rilassante bagno caldo. Parola d’ordine: armonia, e godersi la casa in ogni suo aspetto, cucinando del croccante pane o giocando sul tappeto con il proprio gatto. Questo è il modo giusto per salutare l’estate, lentamente, immergendosi in un ambiente accogliente e conviviale, spegnendo la musica e leggendo o magari alzando il volume sulla vostra canzone preferita.

Ancora una volta H&M HOME non delude! Io ho già pronta la mia wishlist e voi?

h&m_LIST

  1. Set copripiumino in lino lavato / 2. Asciugapiatti 2 pz. / 3. Copricuscino in lino lavato / 4. Cofanetto in finta pietra /
    5. Lattiera in gres / 6. Vaso alto in gres / 7. Tovaglietta rotonda in iuta / 8. Portavaso in gres / 9. Plaid in cotone goffrato
Continue Reading

11m² a Parigi

Cosa sono 11m² rispetto a 40m² ?! Di certo il confronto è inevitabile, e se anche qualche volta mi sono lamentata della metratura della piccola casa, voglio riconoscerle la grande qualità di avere una buona disposizione dei locali ed in particolare una grande camera da letto divisa dalla zona giorno. Quando si vive in due in uno spazio piccolo, bisogna anche mettere in conto la necessità di isolarsi di tanto in tanto e vi dirò, nonostante io sia a casa da sola tutto il giorno, certe sere non mi dispiace sdraiarmi sul letto a leggere o scrivere, soprattutto se ho litigato con Andrea o mi sono svegliata con la luna storta.
Se siete anche voi abitanti o proprietari di una piccola casa, oggi sono sicura ne rivalutere le dimensioni; quello di cui voglio parlarvi, infatti, è un monolocale di 11m² a Parigi, città meravigliosa ma dagli immobili costosissimi; ammettendo anche di riuscire a trovare un appartamento ad un prezzo abbordabile nella grande metropoli francese, molto probabilmente, in cambio di una bella vista dovrete sacrificare ogni pretesa sullo spazio. Problema che non ha evidentemente scoraggiato il proprietario di questo appartement che, affidando il progetto allo studio di architettura Batiik, è riuscito a sfruttarlo al meglio adottando soluzioni moderne e su misura ma senza rinunciare al design e alla pulizia.

11mq_1

Inizialmente questo spazio era destinato alla domestica dell’appartamento accanto, munito quindi di ogni necessità (piccolo cucinotto, doccia, un letto singolo ed un armadio), vantava la stessa vista sui tetti di parigi dei padroni e un balconcino affacciato sul canale Saint-Martin.
La missione dell’architetto e capo studio Rebecca Benichou con la collaboratrice Sarah Chayeb era di trasformare questo spazio informe in uno più definito e destinato agli affitti stagionali. Letto matrimoniale, bagno, cucina, un piccolo spazio per mangiare ed un armadio erano quindi indispensabili ma più che sufficienti a rendere questo progetto un’autentica impresa.

11mq_3

11mq_4

11mq_6

L’unico sistema capace di risolvere il problema di dimensioni sembrava essere quello di collocare tutte le funzioni principali lungo un unico muro, sfruttando la profondità a lato della porta finestra. Ed è a partire proprio da lei che troviamo il bagno (la cui porta a specchio fa entrare la luce), il tavolino ad incastro con due sgabelli (proprio sotto la nicchia che contiene il televisore), la cucina munita di lavandino, angolo cottura, piccolo frigorifero e due piccoli mobili contenitivi e infine l’armadio, collocato accanto alla finestra insieme alla lavatrice. Un’altra inevitabile soluzione: il divano letto, capace di combinare l’uso diurno e notturno.

Si tratta di una scatola bianca, nei muri ma anche nel pavimento in legno, materiale che si accosta nella zona cucina ed in bagno ad un mosaico della stessa tonalità. Unico tocco di colore la cucina pesca ed il tavolo, che solo una volta aperto mostra il suo profilo blu!

11mq_2

11mq_5

Con le misure qui siamo davvero al minimo, ma come resistere al fascino di quella vista? Forse non è la casa in cui vivrei tutti i giorni dell’anno ma decisamente perfetta per qualche romantica fuga parigina.

FOTOGRAFIE MILK DECORATION e BATIIK STUDIO
Continue Reading

Piante da interni: Calathea ‘Triostar’

Calathea-TriostarMentre le mie piante da esterno sono un completo disatro (tranne forse quelle aromatiche) e non hanno sopportato il recente caldo e le mie frequenti partenze, quelle da interno mi regalano ogni giorno immense soddisfazioni. Ovviamente, il problema gatto persiste limitando buona parte dei miei acquisti green; ma ciò nonostante ho riscoperto da poco il piacere di comprare delle piante anche per la mia camera mansardata a Bologna, dove non corrono alcun pericolo e la mamma può occuparsi di loro in mia assenza.

La prima ad essere entrata in famiglia, con mia somma gioia, è stata la meravigliosa Calathea Triostar. Alcuni di voi ricorderanno la mia condivisione su Instragram, quel giorno al vivaio è stato sicuramente uno dei miei preferiti, assieme alla volta in cui ho portato via la Monstera Deliciosa, ma questo è un altro discorso.
Trovato il giusto punto in cui collocarla, posizionata sopra uno sgabello e vicina alla finestra, ma ben visibile da tutti gli angoli della stanza (non posso perdermi l’occasione di guardarla quando sono lì), altre complicazioni non ce ne sono state. La Calathea Triostar è infatti una pianta estremamente facile da gestire, non ama la luce diretta ma essendo una pianta tropicale apprezza che il terriccio sia sempre umido. Come la maggior parte delle piante da interni, vi renderete conto che anche lei tenderà a bere molto in estate ma poco durante i mesi invernali.

1_Calathea-Triostar

Se per molto tempo reperirla nei vivai è stato quasi impossibile, adesso grazie all’occhio attento di alcuni interior designer e cultori di piante, ma anche alla famosa catena di abbigliamento & Other Stories che ha scelto di usarla nei suoi negozi, averla nelle nostre case non sarà più solo un sogno.
Il risultato, anche in un semplice vaso, è comunque di grande efficacia; bastano infatti i colori delle foglie a riempire quell’angolo vuoto e triste di una stanza. Se ancora non ve ne siete innamorati, aspettate di vederla meglio… 😛

2_Calathea-Triostar

3_Calathea-Triostar

Illustrazione di Beatrice Cerocchi
Continue Reading