Spunti e Virgole | interior design e ispirazioni per la casa
37
home,paged,page-template,page-template-blog-centered,page-template-blog-centered-php,page,page-id-37,paged-5,page-paged-5,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.1,menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
[rev_slider alias="blog-slider"]

Afternoon Tea da Sketch: The Gallery

Oggi voglio rapirvi per portarvi insieme a me a Londra – si sa, quando l’Inghilterra chiama, non esiste momento migliore del tè delle 5 per spezzare la giornata e rilassarsi in compagnia.
L’ultima volta che siamo stati nella capitale inglese, abbiamo bevuto cocktail e spizzicato qualche piatto gustoso al Frenchie Covent Garden, oggi rallentiamo, usciamo un’ora prima dal lavoro e corriamo sotto la pioggerellina fastidiosa per infilarci in questo locale delle meraviglie, lasciando fuori dalla porta (insieme all’ombrello) i piccoli problemi quotidiani.

The Gallery, la gastro-brasserie di Sketch a Mayfair, ha riaperto le porte dopo una ristrutturazione nel Giugno del 2014 e oggi ospita un’installazione con le opere dell’artista britannico David Shrigley, già noto per i suoi taglienti commenti satirici sulle situazioni quotidiane e sulle interazioni umane. Ad occuparsi del progetto l’architetto e designer parigina India Mahdavi che dato forma al contenitore che da quasi quattro anni mette in mostra le tavole dell’ironico disegnatore.

Per dare respiro ai disegni e alla sala con i tavoli, la progettista ha concepito uno spazio monocromatico e rilassante, di grande riuscita e starordinario nel suo genere. Pareti rivestite in carta da parati rosa, stessa tonalità scelta anche per i rivestimenti in velluto delle sedute; un design classico ed evocativo che gioca sul contrasto con le divertenti illustrazioni appese alle pareti.

A completare la mostra delle opere a parete, l’artista ha concepito i tavoli come spazio espositivo supplementare, una piattaforma per presentare le ceramiche con cui viene servito il cibo dello chef Pierre Gagnaire e su cui sono stati stampati alcuni dei suoi disegni.
Il pasto stesso diventa un’opera scultorea specifica che fa riferimento alla posizione dello sketch nel cuore del West End di Londra e invita i commensali a rispondere con i propri pensieri, e a tal proposito David Shrigley afferma: “Tra le altre cose ho creato tutte le stoviglie in ceramica per il ristorante. Sarà la prima opera d’arte che ho realizzato che può andare in lavastoviglie. Sarà un’opera d’arte molto pulita. La grafica pulita è una buona opera d’arte, secondo me.


Fotografie di © Sketch / Scott & Co.

A completare questa meravigliosa collisione tra arte e design, lo stilista Richard Nicoll ha disegnato le divise funzionali e moderne per il personale, altro tratto umoristico e distintivo del locale. Per le ragazze un vestito tagliato sulla silhouette di una t-shirt, mentre per i ragazzi una tuta intera, entrambe in un tessuto spesso di colore grigio.

Tra i menù disponibili ‘Afternoon Tea’ troviamo tre scelte principali da 58 sterline l’una, con variabili che vanno dal dolce al salato e la piacevole possibilità di abbinarci champagne o cocktail analcolici con l’aggiunta di un leggero sovrapprezzo. Insomma, questo interno varca il confine tra quella che sembrava essere una giornata come le altre ed un pomeriggio in una location di fantasia che ricorda gli immaginari di Wes Anderson.


Fotografie di Scott Grummett

 

Direi che a completare l’esperienza non manca proprio niente, cosa ne dite ci sediamo?


Il 18 Gennaio di quest’anno, l’artista ha sostotuito le sue 239 tavole in bianco e nero con 91 nuovi disegni a colori che racchiudono, proprio come i precedenti, lo stile ed il tratto distintivo di David Shrigley.

Continue Reading

Dal rosa al bordeaux per la nuova collezione H&M Home

Destinato ad invadere le nostre case in questo 2018, oggi parliamo di nuovo del rosa, tonalità presente in quasi tutte le collezioni ed indiscussa protagonista dell’anno per AkzonNobel.
Un colore camaleontico e versatile capace di adattarsi a quasi tutte le altre tonalità e di plasmarsi sulle texture dei materiali a cui si accosta.

Anche H&M, colosso svedese della moda a basso costo, l’ha messo in primo piano nel suo ultimo, meraviglioso, lookbook. Una serie di immagini che mescola tessuti e accessori per la casa ad oggetti di design come la lampada MSC-R3C di Serge Mouille o il raffinato pouf Cilindro di Luigi Caccia Dominioni.
Ne risulta una casa armoniosa e calma in cui la modernità del calcestruzzo ed i rivestimenti sofisticati del marmo, o del parquet in legno, sono sottolineati da dettagli oro, porcellane chiare, candele e oggetti d’arte.

Un modo astuto per ricordarci quali sono le tendenze di punta che ci stanno accompagnando dallo scorso anno e quali siano gli abbinamenti vincenti per questa palette che va dal rosa alle tonalità di rosso.

La collezione include asciugamani, tappeti e altri tessuti d’arredo dai disegni geometrici, materiali come il lino e il velluto, contenitori e utensili da cucina in ottone oltre che vasi decorativi di differenti grandezze e forme.
Un’esempio di come i dettagli siano fondamentali per trasformare un semplice bagno in un luogo dove rilassarsi o la camera da letto nel posto perfetto in cui sfogliare riviste e sorseggiare caffè la domenica.
La stessa sinergia di colori che se applicata su i cuscini può rendere invitante un divano e, con l’aiuto di un plaid morbido, trasformarlo nel posto ideale in cui addormentarsi la sera (ogni riferimento è casuale). 😛


Fotografie di Heidi Lerkenfeldt

La piccola casa ha scelto la sua linea cromatica già diverso tempo fa ed è quella che semplifica i cambiamenti e le scelte quotidiane che devo spartire con quel brontolone di Andrea, oltre che a tenere a bada la mia scostanza con i colori. A volte immagino come sarebbe se al posto dei grigi e dei dettagli color senape ci fosse il rosa e, per quanto io lo ami nelle case degli altri, non credo che questa veste donerebbe ai nostri 40 .
Se invece avete una casa ampia e luminosa, non perdete l’occasione di farvi ispirare da questa collezione e aggiungete senza esitazione qualche nuovo pezzo al vostro arredo!

Continue Reading

Moodboard di Gennaio

Lo so, lo so… siamo già a metà mese e io non ho più scritto nulla qui sul blog.
Da quando sono tornata nella piccola casa (cioè da poco più di una settimana) sono successe un sacco di cose, non da ultimo il raffreddore del secolo che mi costringe a stare più o meno nella stessa posizione da due giorni per evitare scomodi mal di testa.

Mentre ero via ho dovuto accettare di non avere sempre la situazione qui sotto controllo, ho trascurato il blog e perfino l’account di Instagram; ma ora le cose sono tornate come prima, progetto soluzioni diverse e sempre nuove combinazioni per la piccola casa e, per disperazione di Andrea, ristabilisco l’ordine originario nei cassetti, armadi e perfino credenze. Sono fatta così, chi mi conosce sa che non sopporto avere la casa in disordine, perfino nei posti che non si vedono e solo una volta finito tutto posso finalmente rilassarmi.

Prima ancora che finissero le feste, nei primi giorni dell’anno, ho inaugurato il 2018 qui nella piccola casa con una fodera del divano grigia scura che ha sostituito quella chiara ormai da pensionamento. Quando abbiamo acquistato il nostro NORSBORG, prendere quella color ghiaccio ci era sembrata la scelta più semplice e saggia ma nel tempo, con l’arrivo del nuovo tappeto e di nuovi cuscini, oltre che di nuove stampe, quel colore ha iniziato ad annoiarci.
Le novità però non si fermano qui, ce ne sono molte altre in programma!

Ma bando alle ciance, dopo i doverosi aggiornamenti, parliamo della nuova Moodboard. Ancora una volta il rosa sembra aver avuto la meglio su altri colori, del resto abbiamo già stabilito come questa tonalità sarà padrona indiscussa dell’anno, quindi perchè non lasciarci coinvolgere ancora una volta?!

Continue Reading

Skogsvägen 18

Quando di mezzo ci sono le feste, i parenti chiassosi, una tavola imbandita e sempre qualcuno che mangia, la casa diventa indispensabilmente disordinata e mai sufficientemente grande.
Prima di questo ci sono le enormi e polverose scatole piene di addobbi, i menù sfiancanti e le maratone interminabili per acquistare tutti i regali che, solo una volta terminato l’albero, al comparire dei primi pacchetti sotto e con il frigo già pieno, lasciano posto (per circa 24 ore) al riposo a casa prima della baraonda.

Nei paesi nordici esiste una formula perfetta per questo: l’atmosfera natalizia si diffonde armonicamente nelle case e mentre il resto del mondo è assorbito dalla frenesia, loro rallentano per godersi questo momento magico.
Le abitazioni, già calde e accoglienti di loro, si vestono di pochi ma accurati addobbi e diventano sede di riposo o di serate in compagnia di amici. I pomeriggi liberi si usano per trascorrere tempo in famiglia, facendo i biscotti o terminando di decorare le ultime ghirlande, entrambe attività che sarebbero impossibili nella mia famiglia, a tratti nevrotica e sempre di fretta.

Vi introduco così nel mio Natale, quest’anno contraddistinto dall’assenza di addobbi nella piccola casa, ma arricchito, per fortuna, da tutti quelli nelle altre case.
Superato il primo dispiacere, ho cominciato a raccogliere gli ingredienti per impastare nei prossimi anni la torta del Natale “perfetto” e la casa svedese di cui vi parlo oggi, spartana ma viva attraverso i piccoli gesti lasciati incompiuti e sparsi per le stanze, sembra essere per ora la ricetta più convincente – lontana da tutti i noiosi obblighi che trasformano questo momento dell’anno in un tour de force.

La meravigliosa casa in questione si trova a sull’Isola di Gotland in Svezia, ed è stata recentemente ristrutturata e messa in vendita su Fastighetsbyrån.
Trasformata per gli acquirenti in una sfiziosa vetrina natalizia (con tanto di mobili della collezione nata dalla collaboraz, è caratterizzata all’interno da pavimenti in pietra calcarea in bagni e zone comuni, per le zone private e nei soffitti, invece, da assi in legno di pino non trattato; una combinazione di materiali che culmina il suo contrasto con la vincente posa della cucina in legno sullo sfondo della parete in cemento.

Ma ora è tempo di mostrarvi le immagini di questa casa dei sogni a due passi dal mare che sono certa, proprio com’è successo per me, vi farà innamorare.

Non potevo cominciare l’anno nuovo senza lasciare qui sul blog un ultimo disperato saluto a questo Natale – veloce, evanescente ma sempre e comunque il periodo dell’anno che preferisco.

Continue Reading

Caro Babbo Natale…

Ci siamo, mi ci è voluto un po’ ma la lista per Babbo Natale è finalmente pronta!
È perido perfetto per esprimere qualche desiderio e chi lo sa, nel caso lui mi stia leggendo, anche per esaudirlo… 😛

Mi sento di dire che sono stata discretamente buona quest’anno e che, nonostante il mio (qualche volta) caratteraccio, le persone che mi sono accanto, l’hanno fatto con amore e tolleranza. Non è forse questo il regalo più grande di tutti?!

La lontananza dalla piccola casa è ormai agli sgoccioli ed io mi sto mentalmente preparando a tutti i piccoli cambiamenti che apporterò al mio rientro. La distanza non ha mai smesso di farmi frullare idee nella testa che ora è proprio il momento di mettere in pratica – non ovviamente senza l’aiuto di qualche generosissimo dono che finirò, già lo so, per farmi da sola.
Ci sono in ballo anche progetti un pochino più esosi, come una nuova libreria ed il dramma di una nuova sedia intorno al tavolo (in sostituzione all’orribile orfanella IKEA bianca che ci è drammaticamente rimasta dal trasloco), ma non voglio anticiparvi niente, di quello parleremo più avanti.
Intanto eccovi qui la dolorissima ma bellissima lista dei miei desideri per questo Natale 2017.

Christmas_Wishlist1. Plaid di Hay / 2. Sottopentola di Ferm Living / 3. Canovaccio di Ferm Living / 4. Tazza di Donna Wilson
5. Maglione di H&M / 6. Paniere di Muuto / 7. Vaso di Normann Copenhagen / 8. Cuscino di Ferm Living
9. Sapone per le mani di Meraki / 10. Anfibi di Dr. Martens / 11. Fodera del cuscino di House of Rym
12. Tovaglia di House of Rym / 13. Portacandele di Ferm Living

Babbo Natale, mi raccomando, se ci sei batti un colpo!
Continue Reading

Moodboard di Dicembre

Questo meritatissimo ponte ha portato sicuramente molti di voi a partire o, come nel mio caso, a riposare tra le mura di casa (per me quella di Bologna). Come già sapete, sto vivendo in questa nuova dimensione veronese, lontana dalle mie ormai consolidate abitidini, affiancata da mio padre in quella che è diventata la vita di tutti i giorni e sul lavoro, coccolata dai nonni e immersa nei ricordi di un’infanzia trascorsa qui. Un’avventura che valeva sicuramente la pena di vivere perchè, seppur piccola e circoscritta, mi ha fatta crescere molto. Certo, a discapito del blog e di questo mondo di evasione e ispirazioni che mi sono ritagliata da ormai oltre un anno e che continua a lavorare silenziosamente lontano dai vostri occhi.

Vita privata e impegni a parte, agli appuntamenti non si deve mai mancare e, anche se con un pochino di ritardo, oggi sono qui per mostrarvi la Moodboard di Dicembre – ispirata da colori tenui, tessuti caldi e da giornate sempre più fredde, oltre che dall’avvicinarsi delle feste.
Ve lo anticipo già, il tema portante di questo mese sarà sicuramente il Natale (il periodo dell’anno che preferisco).

Moodboard_Dicembre2017

La piccola casa è ancora spoglia di addobbi ma, tempo permettendo, mi sono ripromessa di rimediare al più presto. La vostra, invece, è già vestita a festa? 🙂

Continue Reading