Spunti e Virgole | Bühelwirt Hotel
1922
post-template-default,single,single-post,postid-1922,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.1,menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Bühelwirt Hotel

Non esistono formule magiche per far funzionare una coppia, io e Andrea  a volte ce la mettiamo tutta per renderci il tutto più complicato. Crescere insieme, infatti, non implica necessariamente prendere la stessa direzione, forse a noi sono serviti i molti interessi in comune che, nel corso del tempo, ci hanno permesso di ritagliarci, lontani dal mondo, momenti tutti per noi.
Lo scorso Natale è stata la volta dei fine settimana in montagna che, pur rimanendo un segreto fino all’ultimo, ci hanno portati ad incartare la stessa filosofia di regalo – rilassarci!

Ecco perchè a distanza di circa un anno vi porto in Val Aurina, un paesaggio ancora intatto in cui si erge l’albergo Bühelwirt. Un rifugio in cui riposare e contemplare la natura dal proprio letto, lontani dallo stress della vita quotidiana.

Ad occuparsi dell’ampliamento della locanda tradizionale è stato lo studio Pedevilla Architects che, ispirandosi ad un’architettura progressista, ha inserito questo nuovo elemento nell’ambiente circostante.

Il corpo originale e d’ingresso, un edificio dall’aspetto comune, è stato recentemente sviluppato nel terreno sottostante con un nuovo edificio, collegato a quello vecchio attraverso una passerella. Un volume compatto e posizionato a nord per non limitare la struttura preesistente, sia in termini di luce che di vista.
Caratterizzata da legno annerito, la facciata si tinge di un verde scuro sotto l’influenza delle sfumature di cui si colorano le foreste attorno; una macchina nera presente ma armoniosa.
Sei piani, oltre 20 camere, una zona benessere ed il nuovo ristorante hanno in comune un unico grande obiettivo: lasciare entrare la natura attraverso grandi vetrate.


Fotografie di Martina Cima

Anche l’atmosfera delle camere, realizzare con il legno di larice proveniente dalle foreste circostanti, trasmette un senso di comfort. La leggera superficie ruvida dell’intonaco riflette i colori del mondo montano e rende l’interno un luogo familiare. Le lampade in rame sono state realizzate a mano e le tende arrivano direttamente della fabbrica di loden locale; un insieme di accurati dettagli che mettono il loro accento sulle piccole realtà regionali.

Questo luogo non è adatto solo agli amanti della montagna ma perfetto anche per chi volesse concedersi un momento diverso dal solito e, se per caso dovesse venirvi voglia di uscire, l’offerta di escursioni o attività è varia e adatta anche ai più pigri come me.

State già facendo le valigie? Vengo con voi!

No Comments

Post a Comment