Spunti e Virgole | Piastrelle bianche + fughe nere
1842
post-template-default,single,single-post,postid-1842,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.1,menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Piastrelle bianche + fughe nere

Oggi torniamo a parlare di cucine, nutrendo la kitchen-mania con nuovi entusiasmanti abbinamenti.
Al centro del mirino il paraschizzi, un tassello importantissimo per la creazione di questo angolo della casa. Tra le infinite varianti, fatte di pannelli e vernici lavabili, oggi torniamo sulle buone e vecchie amiche piastrelle.
Ci destreggiamo tra quelle colorate, decorate o in forme inusuali, per soffermarci sulle intramontabili ceramiche bianche con fughe a contrasto nere. Un dettaglio che renderà delle semplici piastrelle chiare, industriali e di carattere, oltre che abbinabili a moltissime cucine scandinave (le mie preferite!).

Ma cominciamo con ordine e vediamo una ad una quelle che nel corso di questi mesi sono finite direttamente nella cartella “preferiti” sul desktop.

1. GRIGIO, OVVIAMENTE


Fotografie cate st hill

Comincio presentandovi la mia cucina dei sogni. Semplice, compatta, ma soprattutto grigia. La blogger cate st hill è fonte d’ispirazione per la piccola casa da molto tempo e questa è la sua meravigliosa cucina IKEA, perfetta con il paraschizzi oggetto di discussione.

2. BIANCO E NERO


Fotografie di Kristofer Johnsson

Con questi due colori non si sbaglia mai, e non ci si stanca mai soprattutto. L’abbinamento di questa cucina progettata da Lotta Agaton è semplice ma di grande effetto e non contempla fallimenti. Ante bianche e piano di lavoro nero non possono che stare bene con piastrelle bianche e fughe nere.

3. A TUTTA PARETE


Fotografie di Rebecca Centrén

Nella casa di Rebecca Centrén il paraschizzi a griglia si è allargato su tutta la parete. Questa soluzione, su cui sono state appese pentole e utensili da cucina, unita ad una penisola in acciaio, l’ha trasformata in una cucina moderna ma che ricorda quelle professionali.

4. BIANCA AL BACIO


Fotografie di Sara Landstedt

A chi non piacciono gli spazi minimali e bianchi… Sono la tela perfetta su cui far risaltare i piccoli dettagli, gli accessori e perchè no, anche le nostre meravigliose piastrelle paraschizzi.

5. SOFISTICATA IN LEGNO


Fotografie di Elle Decor

La bravissima stylist Tina Hellberg è una campionessa nel mixare elementi diversi tra loro. Questa cucina è la prova di come il legno delle ante, elegante e materico, si accosti a due elementi dal carattere industriale come il piano lavoro ed il paraschizzi.

6. MARMO E DETTAGLI ORO


Fotografie di Alvhem

Marmo e ottone sono una formula intramontabile; un abbinamento già visto ma che funziona sempre. Questa cucina tortora, mischiata alla parete interamente rivestita, ne è un valido esempio.

7. BLACK IS THE NEW BLACK


Fotografie di Alen Cordic

Awww, il nero, il mio non-colore preferito. La stylist Emma Fisher ha pensato a questa cucina come ad uno spazio aperto, luminoso e pratico per cucinare in dialogo con il living. Qui il nero non incupisce ma scalda, abbracciato da un piano di lavoro in cemento su cui vivono e risaltano, grazie alla parete in piastrelle, erbe aromatiche ed una cappa a contrasto.

8. COLOR MANIA

Con la cucina si può giocare, osando con colori inusuali che sappiano trasformarla nel fiore all’occhiello di casa.
Superati i timori iniziali, basta buttarsi su Pinterest per trovare moltissimi esempi convincenti che hanno come filo conduttore proprio queste piastrelle senza tempo.

9. A MAGLIA STRETTA

Il raggio miniaturizzatore del film “Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi” ha colpito anche le pareti paraschizzi di queste cucine, trasformando le piastrelle in quadretti poco più grandi di quelli di un mosaico. Questo le rende forse meno versatili ma comunque adorabili.


Vi ho rivelato la mia soluzione preferita già nella prima ispirazione. Di solito riesco a mantenere il segreto almeno fino alla fine del post ma, questa volta, non sono riuscita a resistere e ho scelto d’iniziare questo piccolo viaggio tra le zone cottura proprio con lei. E voi avete avete trovato la vostra preferita? 🙂

No Comments

Post a Comment