Spunti e Virgole | Afternoon Tea da Sketch: The Gallery
1810
post-template-default,single,single-post,postid-1810,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.1,menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Afternoon Tea da Sketch: The Gallery

Oggi voglio rapirvi per portarvi insieme a me a Londra – si sa, quando l’Inghilterra chiama, non esiste momento migliore del tè delle 5 per spezzare la giornata e rilassarsi in compagnia.
L’ultima volta che siamo stati nella capitale inglese, abbiamo bevuto cocktail e spizzicato qualche piatto gustoso al Frenchie Covent Garden, oggi rallentiamo, usciamo un’ora prima dal lavoro e corriamo sotto la pioggerellina fastidiosa per infilarci in questo locale delle meraviglie, lasciando fuori dalla porta (insieme all’ombrello) i piccoli problemi quotidiani.

The Gallery, la gastro-brasserie di Sketch a Mayfair, ha riaperto le porte dopo una ristrutturazione nel Giugno del 2014 e oggi ospita un’installazione con le opere dell’artista britannico David Shrigley, già noto per i suoi taglienti commenti satirici sulle situazioni quotidiane e sulle interazioni umane. Ad occuparsi del progetto l’architetto e designer parigina India Mahdavi che dato forma al contenitore che da quasi quattro anni mette in mostra le tavole dell’ironico disegnatore.

Per dare respiro ai disegni e alla sala con i tavoli, la progettista ha concepito uno spazio monocromatico e rilassante, di grande riuscita e starordinario nel suo genere. Pareti rivestite in carta da parati rosa, stessa tonalità scelta anche per i rivestimenti in velluto delle sedute; un design classico ed evocativo che gioca sul contrasto con le divertenti illustrazioni appese alle pareti.

A completare la mostra delle opere a parete, l’artista ha concepito i tavoli come spazio espositivo supplementare, una piattaforma per presentare le ceramiche con cui viene servito il cibo dello chef Pierre Gagnaire e su cui sono stati stampati alcuni dei suoi disegni.
Il pasto stesso diventa un’opera scultorea specifica che fa riferimento alla posizione dello sketch nel cuore del West End di Londra e invita i commensali a rispondere con i propri pensieri, e a tal proposito David Shrigley afferma: “Tra le altre cose ho creato tutte le stoviglie in ceramica per il ristorante. Sarà la prima opera d’arte che ho realizzato che può andare in lavastoviglie. Sarà un’opera d’arte molto pulita. La grafica pulita è una buona opera d’arte, secondo me.


Fotografie di © Sketch / Scott & Co.

A completare questa meravigliosa collisione tra arte e design, lo stilista Richard Nicoll ha disegnato le divise funzionali e moderne per il personale, altro tratto umoristico e distintivo del locale. Per le ragazze un vestito tagliato sulla silhouette di una t-shirt, mentre per i ragazzi una tuta intera, entrambe in un tessuto spesso di colore grigio.

Tra i menù disponibili ‘Afternoon Tea’ troviamo tre scelte principali da 58 sterline l’una, con variabili che vanno dal dolce al salato e la piacevole possibilità di abbinarci champagne o cocktail analcolici con l’aggiunta di un leggero sovrapprezzo. Insomma, questo interno varca il confine tra quella che sembrava essere una giornata come le altre ed un pomeriggio in una location di fantasia che ricorda gli immaginari di Wes Anderson.


Fotografie di Scott Grummett

 

Direi che a completare l’esperienza non manca proprio niente, cosa ne dite ci sediamo?


Il 18 Gennaio di quest’anno, l’artista ha sostotuito le sue 239 tavole in bianco e nero con 91 nuovi disegni a colori che racchiudono, proprio come i precedenti, lo stile ed il tratto distintivo di David Shrigley.

No Comments

Post a Comment