Spunti e Virgole | House NA By Sou Fujimoto
1259
post-template-default,single,single-post,postid-1259,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.1,menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

House NA By Sou Fujimoto

201105~2_v12.mcd

Anche per questo secondo appuntamento “giapponese” ho scelto di parlarvi di una meravigliosa ed inusuale abitazione, sempre tra le mie preferite e opera dell’architetto Sou Fujimoto.
Ancora una volta ci troviamo davanti ad un progetto sperimentale e di grande impatto, grazie alla sue pareti trasparenti che la contraddistinguono rispetto alle abitazioni in cemento di questo tranquillo quartiere di Tokyo.
Apparentemente piccola dall’esterno, questa casa di 85 mq è composta da 21 piani che suddivisi su diverse altezze si collegano tra loro, soddisfacendo in questo modo il desiderio della giovane coppia committente di vivere da nomadi dentro la propria costruzione.
Anche in questo caso la flessibilità degli spazi consente di stare intimamente in un unico spazio (con l’ausilio di binari e tende) o distribuire gli ospiti in tutta casa. L’architetto ha definito e paragonato quest’abitazione ad un albero che, attraverso un tronco centrale che collega tra di loro i rami, mette in comunicazione i singoli livelli permettendo alle persone di vedersi ed interagire anche stando in punti differenti.

House_NA_1

House_NA_2

House_NA_3

Partendo da un livello d’ingresso, i successivi e superiori piani sono raggiungibili attraverso una serie di scale fisse ed altre invece mobili che all’occorrenza minimizzano lo spazio di circolazione trasformandolo in superficie di seduta o da lavoro.
Il delicato problema della privacy, già affrontato con la Moriyama House, qui è ancora più evidente. A dividere la superficie pubblica circostante dalla vita privata scandita all’interno di queste mura ci sono quasi solo grandi finestre attrezzate di lunghe tende (nemmeno troppo coprenti a dire la verità) che vengono ormai quasi sempre tenute accostate per colpa dei turisti curiosi.
La struttura, formata da sottili telai in acciaio bianco, nasconde una parte della propria tecnica all’interno delle sottili pavimentazioni in betulla, diventando con le serpentine un’importante fonte di calore per l’inverno, mentre la restante si trova insieme all’HVAC e all’idraulica nella parete in calcestruzzo a nord, nella parte posteriore della casa e nei rinforzi laterali. Per quanto riguarda l’estate ed i mesi caldi, invece, il posizionamento strategico della superficie vetrata consente una corretta ventilazione e massimizza il flusso d’aria.

A mostrarci i bellissimi interni sempre le fotografie di Iwan Baan. Non ci resta che entrare, cosa ne dite?

House_NA_1e2

House_NA_3e4

House_NA_5e6

House_NA_7e8Fotografie di Iwan Baan
No Comments

Post a Comment