Spunti e Virgole | Un’oasi chiamata bagno
396
post-template-default,single,single-post,postid-396,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.1,menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Un’oasi chiamata bagno

Il bagno è un luogo dove ognuno di noi, volente o nolente, trascorre del tempo; per i più fortunati è un’oasi dove potersi prendere cura di se stessi e, anche se spesso si sottovaluta quanto l’estetica di questa spazio possa favorirne l’utilizzo, un buon bagno non può che sostenere e arricchire l’aspetto generale della casa.
Nel mio specifico caso, vivendo in una casa in affitto, il bagno non è esattamente come immagino dovrebbe essere un ‘bel’ bagno. Piccolo, rivestito di banali piastrelle rosa, condiviso con il gatto ed esattamente frontale alla porta d’ingresso (quindi la primissima cosa che si vede entrando in casa).
Sicuramente in giro ci sono bagni peggiori, bui e con piastrelle vecchie, il nostro ha invece una bella finestra sopra la vasca da cui entra molta luce, e si vede che è stato recentemente messo a posto.
Non potendo quindi demolirlo nella sua interezza, sto da un po’ di tempo raccogliendo idee per migliorarlo, con decorazioni e dettagli che potrebbero, nella visione globale, renderlo un bagno meno banale.

Tra le tante idee raccolte, quella che preferisco è sicuramente legata alla mia grande passione per le piante. Sto pensando di creare un angolo green proprio sulla parete rivestita di piastrelle, in una trama di vasetti e piantine pensili che daranno il loro maggiore contributo all’atmosfera. Nuova biancheria, dei contenitori per nascondere flaconi e barattoli e infine due splendenti pomellini per dare carattere all’armadietto bianco sotto il lavandino.

Si apre così un nuovo grande progetto che andrà a sommarsi a tutti gli altri più piccoli di cui vi ho parlato!
Non vedo l’ora di cominciare 🙂

1e5

3e2

4e7

No Comments

Post a Comment